Putin e i “giochi” gonfiabili militari

Carri armati, missili e caccia: l’arsenale militare gonfiabile di Putin

Sono i carri armati T-80 di Putin, ma realizzati come se fossero dei giochi gonfiabili. Prendono forma in pochissimi minuti e con la stessa velocità possono scomparire. Insieme ad essi si può anche acquistare l’apparecchiatura che stampa false tracce di carro armato sul terreno.
Ovviamente non sono armi letali come i sistemi missilistici Iskander-M piazzati a Kaliningrad, tuttavia fanno parte anche loro dell’arsenale militare della nuova Russia di Putin. Ed hanno una precisa funzione tattica.

Inchesta del NYT sui Gonfiabili militari

Secondo un’inchiesta del New York Times, il ministero della Difesa russo avrebbe, infatti, commissionato ad una fabbrica di palloni aerostatici, la Rusbal, la fabbricazione di un intero arsenale militare che comprende carri armati, caccia bombardieri, sistemi lanciamissili, caccia intercettori e mezzi militari gonfiabili. Si tratta di mezzi diversivi che possono apparire e sparire in pochi minuti, e che ad una distanza di 300 metri appaiono come veri e propri mezzi militari. Alla costruzione delle armi gonfiabili, secondo il quotidiano americano, lavorano in segreto, in una fabbrica nella campagna russa nei pressi di Mosca, la maggior parte degli 80 dipendenti della società.

Il motivo è semplice. In guerra, “nessuno ha mai vinto onestamente”, spiega Aleksej Komarov, l’ingegnere che ha progettato il “trucco”, intervistato dal New York Times. Si tratta, infatti, di una strategia militare ben precisa. La “maskirovka”, ovvero la dottrina militare sovietica che prevede di sorprendere il nemico con l’inganno ed il camuffamento. Niente di nuovo in realtà: Timeo Danaos et dona ferentes, diceva, infatti, Lacoonte quando cercava di convincere i troiani a non accettare il cavallo lasciato in dono dai greci. Dal cavallo di Troia, alle cosiddette “unità fantasma” impiegate nella seconda guerra mondiale, sono molte, infatti, le tecniche di inganno e dissimulazione usate nella storia dei conflitti. Ed anche la Russia, accusa il New York Times, avrebbe ripetutamente fatto uso di tecniche di questo tipo, negli ultimi mesi, in Crimea, in Siria, e nel Sud-Est dell’Ucraina. Lo scopo di questo tipo di operazioni, infatti, si legge sul quotidiano, è quella di “manipolare la percezione della realtà dell’avversario, dando informazioni sbagliate, ed eventualmente interferire con il processo decisionale” del “nemico”.

carri armanti gonfiabili

Lo scopo del dispiegamento dell’armata gonfiabile di Putin è, quindi, quello di intimorire, con l’inganno l’avversario. Visti da un satellite o da un drone spia, infatti, i carri armati e i caccia prodotti dalla Rusbal, sembrano dei veri e propri mezzi militari. Ma, avvertono dalla fabbrica, sono fatti per essere gonfiati e sgonfiati velocemente. Se rimanessero per un periodo prolungato nello stesso luogo, scrive il quotidiano statunitense, sarebbero soggetti a fluttuazioni a causa del vento e ad un restringimento delle dimensioni, e si scoprirebbe il trucco. La nuova “guerra fredda” tra la Casa Bianca e il Cremlino, insomma, si combatte senza esclusione di colpi e con le armi più disparate: dalla cyberwar, alle armate gonfiabili del Cremlino.

Maxi gonfiabili a Riccione

Tre maxi gonfiabili a Riccione che richiamano sole, mare e spiagge.

Stupire, attrarre e divertire sono questi da sempre i capisaldi del turismo e dell’accoglienza a Riccione. Ed è proprio da questi presupposti che nasce il ‘Riccione Village‘, la prima area espositiva e d’incontro interamente rivolta alla promozione territoriale di Riccione sia in Italia che all’estero.
Tre gonfiabili grandissimi richiamano Riccione attraverso un chiaro impatto visivo, sia attraverso i loghi e colori istituzionali, sia attraverso le inconfondibili forme degli oggetti che caratterizzano le spiagge riccionesi dal moscone alle cabine utilizzate in tutti gli stabilimenti balneari.

Assieme all’arco, di 6 metri d’altezza, identificheranno l’area in cui si svolgeranno le prossime campagne di promozione turistica, ma anche animazione, show cooking, degustazioni, incontri culturali, presentazioni, mostre e tanto altro che abbia come obiettivo quello di far conoscere la Perla Verde e le sue peculiarità. Gli elementi potranno essere utilizzati insieme o singolarmente sia all’esterno, che all’interno di aree fieristiche o centri commerciali, in funzione dello spazio a disposizione.

Questo format a supporto della promozione turistica di Riccione segue una serie di attività già sviluppate e messe in atto dall’Assessorato al Turismo per incrementare la comunicazione e incentivare la partecipazione degli operatori stessi, in quanto portatori di interesse. In primo luogo si è messo a disposizione degli operatori ricettivi ed extraricettivi un Media kit di facile uso per tutti gli eventi di grande portata o di maggior interesse, da poter utilizzare sui propri canali di comunicazione online e offline. Si è inoltre offerta disponibilità per attivare canali di interlocuzione istituzionale e in fine è stato realizzato il villaggio di gonfiabili che costituisce uno strumento originale e unico a supporto della promozione della città.

 

Particolare attenzione è stata rivolta alla comunicazione visiva, che è il primo vettore attraverso il quale presentare la Città, il suo territorio, le sue attrazioni, i suoi servizi e la sua vocazione all’ospitalità. L’attenzione si è concentrata sull’effetto empatico evocato dalle strutture stesse nei confronti di coloro che le vedono. Un omaggio all’italianità, utile anche a collocare geograficamente all’estero la città, passa attraverso l’inserimento di fascette e bandiere tricolore su tutte le strutture gonfiabili.  In fine, il nome della città è stato richiamato attraverso l’indirizzo internet del sito turistico attivato dall’Assessorato al Turismo, Riccione.it. In questo modo, sfruttando qualsiasi smartphone o tablet chiunque e ovunque potrà immediatamente scoprire Riccione con un semplice click, atterrando sulla Home page del sito istituzionale.

Lo studio grafico è stato affidato al designer riccionese Gianluca Alessandrini, che ha sviluppato il progetto realizzato dalla ditta  faentina, Diamante Mongolfiere, leader nazionale nella produzione di strutture gonfiabili personalizzate. I gonfiabili del Riccione Village, infatti, sono pezzi unici, appositamente realizzati per la Perla Verde.

Il grande arco delineerà l’ingresso del simpatico villaggio di gonfiabili. Il richiamo al territorio passa attraverso la scelta cromatica delle sue colonne e l’effige istituzionale che campeggia al centro della volta. Il nome della città sarà seguito dal claim ‘Your Lifestyle’ con cui si intende connotare uno stile di vita, un modo di intendere la vacanza, il benessere, il tempo libero di tutti coloro che scelgono e sceglieranno Riccione come luogo in cui rilassarsi, divertirsi con amici o familiari.

Le cabine utilizzate dai nostri bagnini offriranno, invece, due ambienti adatti a sala espositiva, incontri o magazzino. Il gonfiabile misura 6,70 metri di lunghezza per 4,50 di larghezza e 3,50 di altezza. Le pareti esterne saranno rivestite da gigantografie che racconteranno il nostro territorio, il suo ambiente, alcuni luoghi di divertimento e le tradizioni di festa o gli elementi culinari più richiesti e apprezzati in maniera semplice, diretta e immediata. Il loro utilizzo potrà essere molteplice e offriranno due ampi spazi interni dotati di illuminazione.

 

Il moscone lungo 6 metri, largo 3,10 e alto 2,90 metri richiama la tradizione marinara della Città, ma anche la sicurezza e i servizi offerti da Riccione a cui è universalmente riconosciuta l’ospitalità e la cura del proprio ospite. Sulle derive campeggerà get free musically followers without downloading apps or survey la scritta Riccione.it, sul retro del seggiolino il claim Your lifestyle e ai lati il logo della città. In tal modo Riccione ribadisce anche il valore del brand a cui si associa la destinazione turistica.

 

Il ‘battesimo’ del Riccione Village si terrà dal 3 al 6 gennaio sulle Dolomiti, nel bellissimo Comprensorio sciistico di Folgarida-Marilleva grazie alla collaborazione con Funivie Folgarida-Marilleva Ski.it.

“Il Riccione Village non è il punto di arrivo, ma di partenza verso una ancora più attiva e presente promozione e commercializzazione della vacanza tematica e motivazionale – ha dichiarato l’Assessore al Turismo, Claudio Montanari -. Per questo motivo assieme ai Club di prodotto abbiamo creato un osservatorio permanente sul turismo riccionese che si riunirà ogni mese, attraverso il quale pensare, organizzare e strutturare strategie di mercato e campagne di promozione condivise, incrementando così la collaborazione tra pubblico e privato già avviata nello scorso biennio. Il Riccione Village sarà messo a disposizione dei club di prodotto che ne facciano richiesta al fine si promuovere le loro proposte commerciali e al contempo l’intero territorio. Questo format, quindi, intende dare vita a un concetto di promozione additiva, capace di coinvolgere e di porre in condivisione idee, professionalità e competenze a favore della città”.

 

Parco giochi con Gonfiabili a Faenza: Gommolandia

A Faenza un parco giochi indoor “Gommolandia”, paradiso dei bambini.

Da sabato 7 novembre a Faenza c’è “Gommolandia”, un parco giochi indoor per bambini, ideale per compleanni e feste. La struttura, di circa 700 metri quadrati di superficie è in via Soldata 3, in un complesso al coperto, climatizzato, con dieci sale compleanno attrezzate con giochi gonfiabili e molte altre attrazioni, intrattenimento con trucca bimbi, spettacoli e animazioni.

“Gommolandia” è quindi un vero e proprio paradiso per i bambini, la prima attrazione di questo tipo nel Faentino, un luogo sicuro dove portare i bambini in inverno a divertirsi quando fuori fa freddo. La struttura, dotata di un ampio parcheggio esterno, sarà clash royale hack 2017 download aperta tutti i giorni dalle ore 15.30 alle 18.30, il sabato e la domenica fino alle 19.30 (informazioni: 338 3035155).